Fondato nel 1969 a Pescara dal Prof. Giuseppe Cannarella (1922-2000) l’Istituto orientò la sua attività alle tematiche emergenti dei servizi socio sanitari promuovendo in Italia, con la collaborazione dell’OMS, convegni di studio e attività di formazione e aggiornamento per gli operatori dei servizi socio-sanitari.

L’intensa attività promossa dall’Istituto rese opportuno, con gli auspici del Ministero della Sanità, lo spostamento della sua sede principale a Roma e la nuova denominazione di “Istituto Superiore di Studi Sanitari”, più aderente alla sua vocazione di riferimento: la promozione della salute e la formazione e l’aggiornamento dei professionisti della sanità.

Con la diretta collaborazione del Ministero della Sanità l’Istituto istituì la “Scuola Superiore di Amministrazione Sanitaria”, corso biennale di studi, di fatto, il primo corso di formazione manageriale istituito in Italia per i dirigenti dei Servizi Sanitari divenendo una delle più affermate sedi di studio e aggiornamento sull’organizzazione e gestione dei Servizi Sanitari.

L’OMS conferisce all’Istituto, primo in Italia, la qualifica di Centro di Collaborazione per la Formazione del personale sanitario e per la Bioetica ed al Prof. Giuseppe Cannarella la nomina ad alto Consigliere dell’OMS.

Nel 1990 l’Istituto istituisce il primo “Master in Amministrazione Sanitaria”, corso di studio biennale ed accentua la sua vocazione all’internazionalità con la collaborazione con numerosi Centri di Studio e Università straniere. In particolare in Spagna, con l’Università di Alcalà di Henares (Madrid), dove verranno attivati corsi di Dottorato di ricerca, in Canada e in Messico. Nel 1992 verrà aperta una sede dell’Istituto a Madrid, presso l’Ospedale universitario Ramon y Cajal.

Nell’anno 2010 la famiglia decide di ricostituire l’Istituto Superiore di Studi Sanitari come Fondazione (in corso di riconoscimento) e Onlus intitolandolo al suo fondatore.

Comunicati

Convegno a Roma su Pdta e Costi Standard, strumenti di governance e di stimolo per migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi sanitari - 4 novembre 2014

La complessità del nostro sistema sanitario favorisce la molta (forse troppa) variabilità nell'organizzazione e nell'erogazione delle cure, con un'insufficiente integrazione dei servizi, generando scarsi livelli di appropriatezza e sostenibilità. Soprattutto nel campo così ampio e diversificato della presa in carico dei malati cronici. Il Pdta (percorso diagnostico terapeutico assistenziale) potrebbe…

Leggi tutto

Ebola: militari Usa in quarantena nel vicentino "Le sconcertanti considerazioni di Zaia…" - 29 ottobre 2014

"È del tutto sconcertante la superficialità e la volgarità con cui il Governatore del Veneto, Luca Zaia, ha protestato ieri contro la permanenza nella base militare Usa di Vicenza di alcuni militari provenienti da zone dell'Africa a rischio Ebola". È quanto sottolinea Mariapia Garavaglia, Presidente dell'istituto superiore di studi sanitari…

Leggi tutto

Il Patto per la Sanità digitale - 16 settembre 2014

Piattaforma strategica per la realizzazione degli obiettivi di governante del Patto della Salute 2014/2016 «Il cuore del Patto per la Sanità digitale è quello di analizzare e proporre priorità, modelli organizzativi e realizzativi di riferimento, strumenti di finanziamento utili alla riorganizzazione della rete assistenziale del Servizio Sanitario, vista come una…

Leggi tutto

Il Patto per la Sanità digitale. Piattaforma strategica per la realizzazione degli obiettivi di governance del Patto della Salute 2014/2016

Roma 16 settembre 2014 – 9.30/13.00 Senato della Repubblica Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva Piazza della Minerva 38 Al Convegno, tra gli altri, Emilia Grazia De Biasi e Pierpaolo Vargiu, Presidenti delle Commissioni Sanità e Affari Sociali di Senato e Camera, Francesco Ripa…

Leggi tutto

21 luglio 2014, Veterinaria pubblica - PREOCCUPAZIONE E SOSTEGNO AL MINISTERO E ALLA VETERINARIA PUBBLICA

Le vicende di questi giorni che vedono coinvolto il Ministero della Salute e il Segretario generale Romano Marabelli nelle indagini sui vaccini per uso animale non possono non destare preoccupazione per un settore della sanità pubblica italiana che non ha eguali in Europa e forse nel mondo. In Italia il…

Leggi tutto

2 luglio 2014, Patto per la Salute - ECCO COSA NON DEVE MANCARE

Pediatria di famiglia, Cronicità e Innovazione tecnologica. Mariapia Garavaglia, Presidente dell'Istituto superiore di studi sanitari "G. Cannarella" di Roma ed ex ministro della Sanità nel Governo Ciampi, indica in questi tre elementi le assolute priorità che non dovrebbero mancare nel Patto per la Salute di cui al momento (sottolinea) non…

Leggi tutto

1 luglio 2014, Immigrazione: contro ogni vile strumentalizzazione politica - UN COMMISSARIO ANCHE PER L'ITALIA

"L'ennesima tragedia del mare sulle rotte clandestine dell'immigrazione grida ai cuori di molti. Ma non di tutti". Lo sottolinea Mariapia Garavaglia, Presidente dell'istituto superiore di studi sanitari "G. Cannarella" di Roma riferendosi alle vili strumentazioni che qualche esponente politico utilizza in maniera populistica e insensibile per gridare la propria opposizione…

Leggi tutto

12 giugno 2014, Invalidità e sostegno - PIENO SOSTEGNO ALLA CAMPAGNA PD

"Il nostro paese è un generatore di frustrazioni per persone disabili e un moltiplicatore di disperazione per le famiglie. A cominciare dalla via crucis che porta al riconoscimento della condizione invalidante. Carte, verbali, iter stressanti, soprattutto per i minori disabili: 4, 5 visite tra Asl ed Inps per il rilascio…

Leggi tutto

2 maggio 2014, Il 9 maggio comincerà il suo servizio sociale - Berlusconi e la cura delle persone affette da Alzheimer

Il prof. Marco Trabucchi, presidente dell'Associazione Italiana di Psicogeriatria e componente del Comitato scientifico dell'Istituto superiore di studi sanitari G. Cannarella, a proposito dei compiti che saranno affidati a Silvio Berlusconi durante il suo servizio sociale ha dichiarato quanto segue:"Sarà davvero utile a chi soffre il servizio che presterà l'ex…

Leggi tutto

25 marzo 2014, Tina Anselmi compie oggi 87 anni. Gli auguri di Mariapia Garavaglia - LE TRACCE INDELEBILI DI UNA POLITICA AL FEMMINILE

"Oggi Tina Anselmi compie 87 anni e a lei esprimo tutto il mio affetto e la stima dovuta a chi, nella vita e in politica, è stata per molti un esempio e una testimonianza di valore". Sono gli auguri di Mariapia Gravaglia, Presidente dell'istituto Superiore di Studi Sanitari "G. Cannarella"…

Leggi tutto

LA MEDICINA PER LE DONNE. LA DIFFERENZA DI GENERE NON AUMENTI LE DISEGUAGLIANZE

Da qualche tempo ci si dedica alla medicina di genere perché, non solo dal punto di vista anatomico e fisiologico, ma anche sociali e culturale le differenze uomo donna esigono risposte diverse nella prevenzione, cura e riabilitazione.Ogni volta che non c'è questa attenzione, si aggiunge alla differenza una ulteriore forma…

Leggi tutto

Verso la formazione del nuovo Governo - Bisogna distinguere tra "governance" e "gestione"

"Mentre risulta abbastanza evidente che il presidente del Consiglio incaricato non possa dettagliare nei minimi particolari il suo programma, molti hanno stato segnalato che, per quanto riguarda la sanità, i cenni sono minimi e ambigui.In effetti la Sanità e' crocevia di quelle riforme istituzionali ed economiche che stanno a cuore…

Leggi tutto

Gianni Borgna: Il cordoglio dell'ex Vicesindaco di Roma - Ironia, mitezza e profondità di pensiero

"Provo un grande dolore ed è una grande perdita per la cultura la scomparsa di Gianni Borgna". È il sentimento espresso da Mariapia Garavaglia (Presidente dell'Istituto superiore di studi sanitari) che fu Vicesindaco del Comune di Roma nella Giunta Veltroni. "Siamo stati compagni di banco, seduti fianco a fianco. Ne…

Leggi tutto

11 febbraio, Giornata mondiale del Malato - Mariapia Garavaglia: "SENZA PROGRAMMAZIONE IL SISTEMA SANITARIO CROLLERA"

"Oggi la Chiesa propone a tutti di pensare ai malati. La malattia, esperienza di tutta l'umanità, chiede alle coscienze di tutti che ci si prenda particolare cura del malato e non solo per la guarigione". Lo sottolinea Mariapia Gravaglia, Presidente dell'Istituto superiore di studi sanitari "G. Cannarella" secondo cui "la…

Leggi tutto

Convegno a Roma su Pdta e Costi Standard, strumenti di governance e di stimolo per migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi sanitari - 4 novembre 2014

La complessità del nostro sistema sanitario favorisce la molta (forse troppa) variabilità nell'organizzazione e nell'erogazione delle cure, con un'insufficiente integrazione dei servizi, generando scarsi livelli di appropriatezza e sostenibilità. Soprattutto nel campo così ampio e diversificato della presa in carico dei malati cronici. Il Pdta (percorso diagnostico terapeutico assistenziale) potrebbe dunque essere, qualora si riuscisse ad andare oltre le pur tante sperimentazioni in atto in Italia, lo strumento, metodologicamente standardizzato, più utile per migliorare l'operatività e l'integrazione delle risorse sanitarie, per delineare il miglior percorso di cura praticabile sulla base di profili codificati e verificabili e per analizzare gli scostamenti tra la situazione di attesa e quella osservata in funzione del miglioramento conseguito.
Il tema è stato al centro del Convegno nazionale dedicato, appunto ai Pdta e a Costi Standard quali possibili strumenti di governance e di stimolo per migliorare la qualità e l'efficienza dei servizi sanitari, organizzato oggi a Roma presso la Camera dei Deputati, dall'Istituto Superiore di Studi Sanitari "G. Cannarella" con il contributo incondizionato di Chiesi.

La possibilità di poter inserire un paziente in un percorso ben codificato di gestione della sua patologia, che lo prenda in carico in tutti i passaggi diagnostici, terapeutici, riabilitativi ed anche burocratici rappresenta in tal senso una vera e propria sfida per la sanità del territorio e per le necessarie interazioni con le strutture ospedaliere, specialistiche e socio-assistenziali. Ne deriva la prospettiva anche di una diversa e più "sapiente" collaborazione tra professionisti che, ciascuno per le sue competenze, si troverebbero ad agire nel comune contesto di un percorso assistenziale lungo cui accompagnare la persona malata evitando che sia quest'ultima ad improvvisare e a ricercare per propria iniziativa prestazioni spesso inappropriate. Il Convegno di Roma ha poi associato al tema dei Pdtaquello estremamente attuale dei Costi Standard. Da molti ritenuti una sorta di "panacea" e da altrettanti avversati per le troppe differenze organizzative e strumentali in cui la sanità pubblica opera nei diversi contesti regionali.Idealmente il costo standard potrebbe rappresentare un pilastro fondamentale per superare uno dei problemi principali del corretto funzionamento delle strutture pubbliche, attraverso il quale l'allocazione delle risorse non avviene più sulla base di quanto si è speso in passato, ma si definisce in relazione a ciò che si è fatto o s'intende fare, ovvero sulla base dell'attività delle aziende sanitarie. Se da un lato rappresentano una vera e propria sfida, poiché riuscire ad introdurre i costi standard significa invertire una cultura, quella dei tagli lineari, e contribuire con responsabilità a un controllo della spesa sanitaria che non significa riduzione delle prestazioni e dell'assistenza, ma "spendere meno spendendo meglio", dall'altro le difficoltà e le variabili sono tali da far temere che gli stessi finiscano per essere più che altro oggetto di mere riflessioni accademiche e teoriche.

"Mi auguro sia obiettivo comune a tutti, da Nord a Sud" ha esordito la Presidente dell'Istituto Cannarella, Mariapia Garavaglia, introducendo i lavori "quello di perseguire con tenacia la sostenibilità del sistema sanitario ma abbandonando il "mantra insopportabile": di una sanità che occupa l'80% dei bilanci regionali. È vero, il nostro Ssn costa molto ma non soltanto per gli sprechi su cui è possibile, anzi doveroso, agire, ma perché, come ci riconoscono a livello internazionale, è un sistema sanitario pubblico ad accesso universale di qualità". 

Un concetto condiviso anche da Emilia Grazia De Biasi, Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, secondo cui il Paese, la cui tenuta sociale dipende moltissimo proprio dalla tenuta del sistema sanitario pubblico, è di fronte a una vera e propria svolta epocale. "Mai come oggi ci troviamo di fronte al dilemma, politico e non solo e meramente economico, di dover decidere che tipo di sanità vogliamo per l'Italia. Nonostante anni di tagli" ha aggiunto "è ancora un buon sistema ma non reggerà oltre se continueranno ad esserci così tante differenze tra il Nord e il Sud del paese, nonostante gli enormi sforzi compiuti dalle Regioni in Piano di rientro. Il tema è in primis politico. Si tratta di decidere su una corretta riconversione della spesa e di aumentare il tasso di innovazione complessivo. Problemi che né le mutue né le assicurazioni potranno risolvere. Ma soprattutto" ha quindi aggiunto "bisogna avere una "visione" di cosa sarà il nostro paese tra dieci o vent'anni. Il che significa, per esempio, traguardare la sostenibilità del Ssn attraverso una vera rivisitazione dei Lea, avendo magari anche il coraggio di abbandonare quale "ferro vecchio" su cui è inutile spendere risorse per investire invece, visto l'andamento demografico ed epidemiologico, su nuovi Lea più vicini alle istanze di una vera integrazione socio-sanitaria che oggi vede i Comuni praticamente alla canna del gas..."

La seconda riflessione politica è stata quindi offerta da Paola Binetti, Deputato della Commissione Affari Sociali della Camera secondo cui tanto i Pdta quanto i Costi Standard devono tendere in ogni caso a salvaguardare la qualità dell'offerta di prestazioni sanitarie. "In sanità" ha spiegato "o tutti gli atti, le procedure,le dinamiche organizzative camminano lungo una linea comune e condivisa o il sistema non regge. In poche parole o si tengono insieme tutti gli elementi del sistema o lo stesso prima o poi vacillerà fino a franare del tutto". Definire il costo standard per una prestazione o per un percorso sanitario o socio-sanitario può aiutare a definirne qualità ed efficacia ma bisogna aver presente che comprimere eccessivamente i costi porta come risultato inevitabile anche il calo inesorabile della qualità".
Squisitamente tecniche, invece, le riflessioni dei relatori che si sono succeduti. Secondo Federico Spandonaro, economista dell'Università di Tor Vergata, che se sui Pdta ha "sentimenti contrastanti" sui Costi Standard li ha del tutto negativi, "più che complicare ulteriormente un sistema di per se già molto complesso riterrei assai più efficace discutere sulla capacità di valutare se l'assistenza è prestata in modo appropriato oppure no, anche perché" ha domandato "dove sta scritto che i Pdta facciano realmente risparmiare...?

La Fiaso, rappresentata dal Direttore Sanitario della Asl di Bologna, Massimo Annichiarico, ha poi illustrato il percorso di approfondimento sul tema che da molti mesi la Federazione sta conducendo cercando di elaborare modelli replicabili ma ha anche avvertito, tornando sul tema della qualità delle prestazioni, che non basta affermare, per esempio, che una frattura del femore debba essere operata entro 48 ore in pazienti over 75 se non c'è, a monte e a valle un'organizzazione sanitaria in grado di garantirlo in tutto il paese". E ancora grandi variabili sono state evidenziate da Lorenzo Terranova, Direttore del Centro Studi di Federsanità Anci secondo cui a seconda del modello assistenziale scelto (sia esso il Chronic Care Model, i Creg o le Medicine di gruppo) è molto probabile che vengano elaborati Pdta diversi per una stessa patologia. Torna dunque, in maniera prepotente, da un lato la difformità organizzativa regionale e tra aziende e dall'altro il ruolo, anch'esso assai difforme geograficamente, dei singoli professionisti che operano, appunto, lungo un determinato percorso.

E se Rosario Mete, Presidente Card Lazio e membro del Comitato scientifico dell'Istituto Cannarella ha illustrato la sperimentazione in corso nel Distretto 12 della Asl Roma C, in collaborazione con Agenas, di implementazione di due Pdta specifici per investire nella cosiddetta "medicina di iniziativa", Pierluigi Bartoletti, Vice Segretario nazionale della Fimmg, ha esortato ad uscire dalla logica troppo accademica dei Pdta teorici e dei Costi Standard per entrare in una logica assai più realistica di "Standard di Servizio".
Un dibattito, dunque, assolutamente ancora aperto che, al di là delle mode del momento, investe direttamente alcune scelte politiche di fondo sulle quali, ha concluso Augusto Panà, Presidente del Comitato scientifico dell'Istituto, la classe politica farebbe bene ad ascoltare in misura sensibilmente maggiore la componente professionale e scientifica del sistema sanitario.